A Cevo con le Cocci!

E rieccoci qua a raccontare un nuovo campo invernale! Dopo una lunga e non voluta pausa il Cerchio del Volo Felice ha riempito i propri zaini, indossato uniformi e scarponi ed è partito per Cevo dove, accompagnato dalla Famiglia Scoiattoli, ha vissuto quattro giorni di avventura e scoperta assieme.

E così abbiamo imparato, seguendo Cocci nel suo viaggio attraverso il Bosco, che vivere e giocare assieme è molto meglio che restarsene da soli credendo di possedere tutto, come aveva urlato la Civetta poco tempo prima di partire. Non è con l’individualismo e l’accumulo di cose che si raggiunge la felicità, ma attraverso la condivisione ed il mettersi al servizio dell’altro.

E qui, assieme ad i nostri amici Scoiattoli, abbiamo ascoltato la storia della Grande Quercia, che ha preferito rinunciare alla propria felicità pur di dare aiuto e riparo alle creature del Bosco che versavano in grave pericolo. Un gesto grande, che non è rimasto privo di conseguenze: infatti, seppure la Quercia ha dovuto rinunciare a molto, ha guadagnato la gratitudine e la cura di tutti gli animali che aveva soccorso.

I giochi sono stati molti e data la posizione un po’ isolata, una sera abbiamo potuto uscire ed osservare un magnifico cielo stellato. Ci siamo allora ricordati la bellezza del Creato – come anche San Francesco, patrono di Coccinelle e Lupetti, ha cantato nella sua vita – e la necessità di sollevare lo sguardo da noi stessi per vedere la meraviglia che ci circonda, anche – e soprattutto – nel fratellino e nella sorellina che ci stanno accanto.

Il campo è stata anche l’occasione per vivere l’importante momento delle Promesse, in cui le nuove Cocci hanno pronunciato il proprio “Eccomi!” a voce alta avanti a tutto il Cerchio, impegnandosi a fare il proprio meglio per migliorare e per aiutare tutti coloro che incontreranno la nostra strada.

Ma l’avventura continua, anche se abbiamo lasciato la casa della Famiglia Scoiattoli: il volo di Cocci attraverso il Bosco verso la Montagna non si ferma e nuove avventure ed incontri si delineano davanti a lei. Volete sapere quali? Allora venite a volare con noi non appena riprenderanno le attività!

Buon Volo!!!

Le Coccinelle Anziane

Le foto del campo le trovi CLICCANDO QUI

A caccia con Kaa ad Esino Lario!

Finalmente, dopo due anni, quest’anno abbiamo potuto vivere l’esperienza del campo invernale, che si è svolto, dal 27 al 30 dicembre, nella lontana ed isolata Esino Lario, in provincia di Lecco.

Raggiunta la casa scout di Esino Lario, sistemati gli zaini nelle camere e aiutato a scaricare le macchine di vecchi lupi e cambusieri, i lupetti si sono subito preparati per andare alla ricerca di Mowgli che era stato rapito dal Bandar-log, il popolo delle scimmie.

Le attività di questo campo sono state numerose e tutte molto diverse tra loro: i lupetti si sono divertiti a sfidare le Bandar-log che, collaborando tra loro, ma grazie anche all’aiuto di Kaa, sono riusciti alla fine a sconfiggere, riportando Mowgli sano e salvo nella giungla. Tante sono state anche le attività manuali, la preferita, a mio avviso, visto l’entusiasmo dei lupetti nel realizzarla, è stata quella di realizzare il plastico delle tane fredde, le tane delle Bandar-log.

Mowgli ci ha aiutato a capire quanto sia importante rispettare ed osservare la legge della giungla, ma soprattutto che è proprio vero che “la forza del Branco in ciascun Lupo sta, del Lupo la forza nel Branco sarà”. 

Il campo è stato occasione per i lupetti, ma anche per noi vecchi lupi, per conoscersi meglio e cercare di ricreare quel clima di branco fatto di gioia e condivisione, che in questi ormai due anni di pandemia è venuto un po’ a mancare.

Durante il campo abbiamo anche accolto i fratellini e le sorelline che  hanno deciso di fare la promessa, entrando a far parte ufficialmente del Branco della Luna Rossa.

Come sempre accade, anche questo è stato un campo ricco di emozioni; da vecchio lupo non nego che la voglia di partire e vivere nuovamente l’esperienza del campo invernale era tanta, ma sicuramente i due anni di pausa ci hanno messo a dura prova nel realizzare e portare a termine questa esperienza. A campo concluso, posso dire però che tutte le paure e le fatiche sono state certamente ripagate dai sorrisi nascosti sotto le mascherine dei nostri lupetti.

Purtroppo anche le cose belle giungono al termine, e così siamo dovuti tornare alle nostre case, ma con uno zaino sicuramente pieno di nuovi ricordi ed emozioni che porteremo sempre con noi.

Buona Caccia!

Bagheera

Trovi le altre foto del campo QUI

Campetto estivo di Branco 2021: Finalmente insieme!

Dopo quasi due anni di assenza a causa della pandemia, il Branco dei Lupi della Luna Rossa è tornato finalmente a vivere l’esperienza del campo estivo! Anche se in versione ridotta, distanziata con mascherine e con un vago e persistente odore di disinfettante di sottofondo, da venerdì 16 a domenica 18 luglio il Branco ha riscoperto i canti, i giochi, le tradizioni e vissuto le emozioni che – da sempre – caratterizzano un campo scout. Certamente un buon auspicio perché la ripresa delle attività a settembre ci trovi pieni di entusiasmo e pronti ad iniziare un nuovo e – speriamo – completo anno scout!

Da Vecchio Lupo non nascondo l’emozione di essere tornato a vivere nuovamente alcuni giorni gomito a gomito con i nostri Lupi, giornate all’insegna della fratellanza, della gioia, della spensieratezza e, anche, dell’avventura.

Come il nostro Mowgli – nel racconto che abbiamo ascoltato, assieme attorno alla Rupe – ha dovuto impegnarsi per scongiurare il grave pericolo che incombeva sulla Giungla (rappresentato dai temibili Dhole), così anche noi abbiamo riscoperto cosa voglia dire essere Branco, metterci spalla a spalla per superare le avversità, tornare ad incontrarci e riconoscerci fratelli e sorelle sotto un’unica Legge, una Legge fatta di altruismo e impegno, fatta di persone e non di vuote parole ripetute per abitudine. Certamente non senza difficoltà, sempre con attenzione alle regole ed alla “distanza”, combattendo contro due anni di assenze, solitudini e paure.

Ma è proprio grazie al vivere assieme, al condividere le esperienze, al curarci gli uni degli altri facendo il Nostro Meglio che possiamo dire di aver veramente compresso che “la forza del Branco in ciascun Lupo sta, del Lupo la forza nel Branco sarà!”. E questo perché le difficoltà che oggi viviamo assieme ci aiutano e spronano ad essere sempre migliori.

Ed allora Buona Caccia a tutti noi che rispettiamo la Legge del Branco!

Bagheera

Per vedere le foto clicca QUI

Uscita dei Passaggi – 11 Ottobre 2020

È quasi impossibile descrivere a parole l’emozione che si cela dietro alla nostra annuale cerimonia dei Passaggi, soprattutto per una Coccinella ed un Lupetto che si preparano ad attraversare il ponte tibetano o per una Guida ed un Esploratore che prendono coraggio per lanciarsi con la carrucola. Sono questi momenti che, in particolare in questo periodo difficile, ci fanno riflettere sul mondo che abbiamo scelto e la promessa che abbiamo fatto. 

Sono cambiate tante cose del nostro “fare scout” in questi mesi e tante ne stanno ancora cambiando, ma noi siamo sempre pronti ad adattarci: così abbiamo fatto anche in questa importante occasione. Nonostante le distanze, le mascherine e il gel igienizzante, non ci siamo persi d’animo e, anzi, abbiamo vissuto la nostra uscita quasi come tutti gli altri anni. 

Anche questa volta i momenti di passaggio sono stati tanti, dall’ultimo racconto del Cerchio e del Branco, al saluto (un po’ commovente) ai capi Clan il sabato sera… fino ai veri e propri passaggi la domenica mattina. Lupetti e Coccinelle hanno lasciato lo zucchetto e hanno attraversato il ponte tibetano per essere accolti in Reparto, Guide e Esploratori hanno salutato le loro squadriglie e con la carrucola sono atterrati vicino ai loro nuovi compagni di viaggio, i ragazzi del Clan. 

Vicino a qualcuno che se ne va, c’è sempre qualcuno che viene accolto: abbiamo allora accolto Stefano nella nostra Comunità Capi e abbiamo invece salutato, con affetto e gratitudine, Giuliano, Elena ed Anna. 

In questi momenti si intrecciano tanti percorsi, tanti saluti e anche un po’ di commozione per chi ha visto crescere in questi anni il nostro gruppo scout, fino a diventare il gruppo numeroso che è ora. Grazie a tutti quelli che fanno parte di questo bellissimo gioco, a chi ci ha salutato e ha contribuito a costruire la comunità che siamo e chi ha deciso di giocare con noi in questo nuovo anno. Sarà forse un po’ più complicato del solito camminare insieme, ma, anche se lo faremo a distanza, l’importante sarà prenderci cura di ogni fratellino e sorellina e non abbandonare il nostro entusiasmo. 

Ricordiamoci sempre che, come scrisse il fondatore dello scoutismo Baden-Powell, “Il nostro guardare lontano è legato al nostro essere continuamente in cammino, alla ricerca, ma è anche guardare ogni tanto indietro per rivedere quale sentiero abbiamo seguito, se abbiamo lasciato le cose meglio di come le avevamo trovate. Dopo aver guardato indietro riguardare di nuovo lontano e accorgersi che si può guardare ancora più lontano!”

Buona Strada, Buona Caccia e Buon Volo!
Arcanda

Guarda QUI le foto della Cerimonia dei Passaggi!